Clotilde
L'IPPOPOTAMO BIONDO
Show MenuHide Menu

Tag: Rome

Un tanto al kilo!

June 11, 2014

Schermata 2014-06-11 a 8.29.13So’ 3e50, che faccio signo’… lascio?!?… Questo un po’ il concetto che mi è rimbalzato in testa quando sono andata a servirmi, passando davanti ad una carrellata di piatti di ogni sorta e consistenza, allungando la mano su mestoli e posate e creando una simpatica piramidina sul mio piatto. E poi… la bilancia… tanto odiata da noi donne e tanto imbarazzante quando la tipa ti porge la mano per prendere il piatto e pesarlo, ma se pensi che tutto quello che hai piazzato la’ sopra e TOTAL VEGGGIE un po’ ti riprendi, passa il rossore, e osservi i numerini lampeggiare. Un tot al kg, non importa cosa prendi. E poi dritto al tuo tavolo. Posto pulito, semplice, comfort acustico (che non guasta mai!), anche con la possibilità di posti fuori.

OPS!  a via Bergamo, e vi consiglio vivamente di prenotare.

Grossa, grassa…

February 15, 2014

Schermata 2014-02-15 a 7.43.52

… e fondamentale… La colazione ovviamente! Che sia di prima mattina o prima di pranzo poco importa, l’importante è potersi coccolare un attimo e accostare al tuo caffè  la migliore “cosa proibita” della tua dieta.

Quando mi voglio viziare mi abbandono alle delizie di DOLCI DESIDERI che oltre al miglior cappuccino freddo del mondo (ripeto: del mondo!) offre una quantità di lieviti e delizie sia dolci che salate imbarazzante, e altrettanto imbarazzante è la qualità e soprattutto la freschezza. Particolari i cornetti croccanti e ripieni nel vero senzo della parola (testato quello di Monteverde vecchio, via Barrili). Per continuare a volteggiare davanti a cabaret da urlo, per recuperare l’affanno e consolarsi magari da un lunedì più lunedì degli altri… tocca anche passare da DANIELI, lungo la arcinota v.le Regina Margherita, dove le taglie dei lieviti sono all’americana e sicuramente si esce soddisfatti! Se invece siete in visita o a un cambio a Termini, approfittate per fare due passi fino a S. maria Maggiore, uno sguardo all’imponente e maestosa facciata di una delle più belle basiliche di Roma e poi, hoplà, ruotate di 180° e puntate dritti su ANTICO CAFFE’ SANTA MARIA, qui trovate lieviti di dimensioni a dir poco generose ed ovviamente buoni!

tutto chiaro?!?

Schermata 2014-02-15 a 7.44.06

Particolare

November 23, 2013

junsei

Dopo tanti posti tradizionali, mi sento di consigliarvi un menù diverso. Non parliamo del giapponese puro, credo che ogni cucina etnica sia regolarmente deviata dai palati nazionali. Ma c’è modo e modo, e ritengo che JUNSEI sia riuscito ad unire l’ebrezza e la raffinatezza della cucina giapponese alle piccole esigenze del palato italiano. A questo uniamo una particolare cortesia e attenzione per il cliente che rende piacevole anche il conto!

Rapiti dal giallo fluo!

July 22, 2013

enzo Preparatevi a fare la fila. E’ passato ad una diversa gestione, il locale rimane sempre lo stesso, ovvero una piacevole trattoria tipica romana, e le portate, abbondanti, da buone sono diventate ancora più buone! Si ordina con gli occhi perchè non si rimane indifferenti ai ricchi piatti che vengono portati in giro per i tavoli e che risaltano fantasticamente su quelle incredibili pareti giallo fluo… no, non sono miraggi e diventa automatico chiedere “voglio quello lì!” puntando con il dito. Tranquilli, a Roma gesticolare e d’obbligo!

Da Enzo a trastevere… lasciatevi servire.

Ricordo estivo

April 22, 2013

19042013590Il fascino dei locali è sempre più intraprendente e molte volte ci colpiscono con le cose più semplici o con quelle più confortevoli. Calore, questo devono comunicare, calore e casa. E se a questo aggiungi la praticità di un bancone su strada dove chidere un drink mentre continui a achicchierare con i tuoi amici, magari approfittando delle tiepide serate primaverili all’aperto, allora sei arrivato al PAPAGENO CAFFE‘ all‘Aventino. All’interno pochissimi posti, selezionati e particolari, ma con un discreto ricambio. Fuori il divertimento che rievoca le serate estive passate a ridere e scherzare con la cricca di amici. Vivere la strada!

Disponibile anche per la cena.

Quando ti dico pizza…

January 19, 2013

Avete mai provato a fare una ricerca su google con la parola “pizza”? Le immagini che ne escono fuori sono miliardi e tutte piuttosto discutibili, come pizza intendo! Le migliori ricordano il fantastico personaggio Pizza Margherita di Balle Spaziali, avete presente? Piuttosto raccapricciante, così come le innumerevoli interpretazioni internazionali di questo piatto! Ok, oggettivamente anche la miglior pizza del mondo, a guardarla, non è che sia un esempio da nouvelle cuisine, ma ad essa è ormai legato un sapore ed un profumo così unico che prevale sui nostri sensi abbagliandoci. Voglio indicarvi tre posti a Roma dove mangiare pizza veramente buona!

Se cercate la tradizione romana non solo a tavola, ma anche per una passeggiata di quartiere, vi consiglio ER PANONTO a Garbatella. Era tempo che non ritrovavo la semplicità, il calzone vero e soprattutto la leggerezza sia nel’impasto che (e soprattutto) nei prezzi. Il locale inoltre è ampio, i tavoli ben distribuiti e riesci a scambiare due chiacchiere senza dover alzare la voce.

Se invece amate la pizza ed un quartiere un po’ più elaborati allora si va a LA PRATOLINA a Prati, noti per la Pinsa. Qui di rigore pizza e dolce! La prima proposta con un sapiente accostamento di sapori anche diversi dal solito e sempre azzeccati, il secondo artigianale e da golosoni doc. Anche i prezzi un po’ più “elaborati”, ma ne vale la pena.

Crescendo in elaborazione e costi, infine, abbiamo LA FUCINA a Portuense. Qui parliamo di una vera e propria degustazione: troverete combinazioni decisamente nuove e le pizze vengono portate già affettate ed in ordine di intensità di sapore così che ognuno possa gustarsi la sua parte e goderne. Il tutto accompagnato da birre artigianali che vengono consigliate e servite in accordo agli ingredienti scelti per le pizze.

 

relaxxx

January 4, 2013

Voglia di staccare, sprofondare sul divano, lanciare via il telefono e relaxarsi immersi in una tiepida luce scambiando due chiacchiere sottovoce. Salotto di casa? Noooo… SALOTTO CARONTE all’Esquilino! Ottimo per l’aperitivo dove puoi scegliere su un’ampia gamma di vini e alcoli accompagnati da stuzzicanti assaggini ben lontani dalle solite patatine e tartine ammuffite, e da provare i taglieri dove poter scegliere tra una buona selezione di formaggi e affettati. Organizzati anche per la cena, mi sento però di consigliare più il “salotto da aperitivo”.

L’ippopotamo consiglia

October 23, 2012

Oggi vi parlo di un quartiere, o meglio, di 3 piccole chicche nel cuore di un quartiere che è Monteverde Vecchio.   Vi parlerò di Ivo, Angela e Roberto che saranno, in questo post, i rappresentanti di 3 locali dai gusti molto speciali in grado di evocare altre terre e stimolare fantasie!

Ivo ama la cucina ricca di sapori, tradizionale, fatta di carne e verdure corpose, condimenti profumati sapientemente accostati e presentati su piatti generosi. E come da tradizione ama anche la cortesia, l’attenzione per il cliente, il sorriso spontaneo, e la disponibilità. Due grandi vetrine su strada identificano un locale molto semplice dai colori particolari, spazioso e sempre accogliente. Siamo al KmZero, ovvero L’Osteria Mangiafuoco, proprio su via Poerio a pochi passi dalle mura. Tornarci è sempre un piacere.

Angela propone la compagnia e anche il divertimento serale. Cerca sapori nuovi, miscele speciali, sorseggiare cose buone. La colazione classica con torte di tutti i gusti, dolci, panini farciti con fantasia; un brunch con cucina casereccia, ma raffinata e personalizzata tanto da non poter dire di no; infine l’aperitivo da godersi anche all’aperto approfittando delle mitiche ottobrate romane e, perchè no, di musica dal vivo (l’ultima volta concerto jazz… mooolto bravi!). Siamo al Cafè Vert, un piccolo bistrot dove lasci Roma per un attimo per catapultarti in un piccolo centro del nord europa, ma oserei dire anche: in un vicolo caratteristico della capitale francese…

Roberto è molto esigente ed è in continua ricerca di qualcosa di veramente speciale. Diffidente all’inizio, ma non si tira mai indietro e quando le sue aspettative vengono soddisfatte allora è una festa! E’ così che ha provato “il” gelato, ma chiamarlo gelato è riduttivo… una cremosa emulsione di sapori e profumi dai colori delicati e dai nomi accattivanti. Siamo alla Gourmandise dove un riservato folletto fa ogni sera la sua magia regalando agli avventori gusti mai immaginati che ti portano in mondi lontani. Se avete in mente la scena del film di Chocolat quando il sindaco alla fine cede e si rotola nella cioccolata impazzendo, ecco, questa è esattamente la sensazione che si prova gustando questa magnificenza!

 

L’ippopotamo consiglia

April 29, 2012

Una cena buona, leggera e tranquilla a Trastevere… si può fare!

Luce44  è un ristorante biologico a kmzero che si trova in fondo a via della Luce al limitare con piazza S. Francesco a Ripa. Il locale è semplice e pulito, il bianco morbido e luminoso rende la sala accogliente e, quando arriva il caldo, si può mangiare all’aperto sotto un pergolato su cui affaccia la tipicità trasteverina. Il servizio è buono e discreta la varietà dei piatti qualitativamente molto buoni. Come accennato, il tutto è biologico quindi sapori delicati ma ben delineati, accostamenti particolari e ottima presentazione dei piatti. Anche i vini sono di scelta biologica (cosa non a tutti gradita). Lo consiglio soprattutto a chi ama alzarsi da tavola senza il peso sullo stomaco di quanto mangiato.

L’ippopotamo consiglia

April 13, 2012

Rec23

E questo giro 2 al prezzo di uno!

Vi parlerò un locale di Testaccio,  situato a piazza dell’Emporio, che continua a trasformarsi negli anni e a migliorare sensibilmente il suo design interno nonchè ad integrare le attrattive e i servizi. Nato secoli or sono come una delle note birrerie della Guinness, buia e legnosa come il brand comanda, e famosa per un tavolo tagliato a forma di bara appena entrati sulla destra dove i pischelli, tra cui anche io, facevano a gara per prenderne possesso! Finalmente alla fine degli anni ’90 cambia volto, si aprono le  finestre e le pareti diventano magicamente chiare e parte così l’Emporio Cafè che godrà per parecchi anni della ventata positiva portata dal nuovo restiling. Oggi si chiama REC23 e, oltre ai noti aperitivi, adesso è possibile anche cenare con ricchi piatti preparati espressi ed ascoltare buona musica dal vivo! D’estate si aprono le porte e sembra quasi di stare all’aperto godendo della brezza serale senza dover essere travolti dai pedoni frettolosi. Accogliente anche se con stile minimal, ricercati dove possono, discreta scelta di vini, birre e cocktail, ma, ahimè, quest’ultimi rimangono piuttosto annacquati…

E ora vi parlerò di Emmegi & the Gaslights, un gruppo formatosi di recente ascoltato proprio al REC23. Nel gruppo due mie storiche amicizie: Mario Galiano, il performer del gruppo, e Luigi Mazzei, drummers e architetto fondatore dello studio TNT Design. Bravi, piacevoli, melodie blues e folk principalmente degli anni ’60. Sarò di parte: da vedere ed ascoltare!